Tagliando auto, come risparmiare ed evitare truffe

Il tagliando dell'auto è considerato da molti automobilisti una sorta di "tassa" annuale da pagare in aggiunta ai tanti balzelli che, direttamente o indirettamente, gravano sulle vetture. In realtà, un adeguato e puntuale controllo dell'auto, oltre a garantire la sicurezza quando si è in viaggio, può consentire notevoli risparmi economici, evitando guasti le cui riparazioni possono risultare molto costose e, ad esempio, contribuendo a limitare i consumi di carburante.

Il tagliando, dunque, va fatto, anche se, causa la crisi, molti italiani hanno spesso di far controllare regolarmente le proprie vetture, specie se vecchie o comunque non più coperte da garanzia.

Esistono tuttavia degli accorgimenti per cercare di limitare il costo del tagliando garantendo lo stesso livello di sicurezza ed efficienza. Evitando anche delle truffe. A parità di servizio, su un tagliando di un'auto di media cilindrata si possono rismparmiare anche 80 euro, cifra che sale su vetture più potenti e costose.

Per le auto in garanzia, il tagliando non deve per forza essere effettuato presso l'officina della concessionaria dove la vettura è stata acquistata. Si può ricorrere ad un'altra concessionaria dello stesso marchio o anche ad officine multimarca riconosciute dalla casa. In alcuni casi, il prezzo può variare di molto. Prima di portare l'auto per il tagliando, quindi, è bene farsi fare dei preventivi. Il sistema di controllo programmato, offerto da alcune case al momento dell'acquisto della vettura, specie se con finanziamento, può essere vantaggioso, ma non sempre. Prima di firmare, dunque, verificare prima presso altre officine qual è il prezzo medio dei vari tagliandi in base ai chilometri che si pensa di percorrere.

Esistono poi dei consorzi di autofficine che consentono di risparmiare sul prezzo del tagliando, garantendo standard di qualità molto elevati. Il prezzo più basso rispetto ad alcune officine monomarca è dato dal minore costo della manodopera che viene applicato. Verificatelo nel dettaglio del preventivo o della precedente fattura.

Attenzione, inoltre, alle truffe. Accade spesso che, ad esempio, nel cambio d'olio venga fatta pagare anche la sostituzione del filtro (anche quello dell'aria), ma in realtà alcuni sono soliti ripulire il filtro e montarlo nuovamente. E' una pratica scorretta più diffusa di quanto non si creda. Il filtro va quindi controllato subito, prima che si sporchi e non sia più possibile stabilire se sia nuovo o meno.

Autore maxsbard
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube PointServiceNetwork. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!