Come ristrutturare un camper a poco prezzo

Il camper è un mondo, uno stile di vita che appassiona numerose persone, ma che non tutti si possono permettere. Acquistando un esemplare anche in cattivo stato, ma con un discreto motore, è possibile ristrutturarlo con una cifra abbordabile e rimetterlo in sesto in poco tempo. Essenziale è avere un po' di manualità, inventiva e passione per il fai da te.

Si inizia ripristinando l'impermeabilità del mezzo per evitare pericolose infiltrazioni di acqua e umidità dalla parte alta del camper, cercando di eliminare quanto più possibile la ruggine che nei mezzi un po' datati la fa da padrone. Una resina epossidica stesa a modo è in grado di impermeabilizzare le zone più esposte alle intemperie. La carrozzeria di certo necessita di alcuni ritocchi e qui si opera con carta vetro e smerigliatrice per togliere la ruggine e sistemare le zone più compromesse. Una volta giunti sulla zona sana si
procede con abbondante stucco in modo da ripristinare la carrozzeria come risultava in origine avendo cura di verniciare tutta la parte sistemata.

Il pavimento può essere rifatto utilizzando materiali di riciclo, il feltro di vecchi materassi è un ottimo isolante termico acustico e ignifugo, sopra al quale poi si ricostruirà una nuova pavimentazione. La pavimentazione può essere posata a piacimento andando in un negozio di bricolage e scegliendo il materiale più appropriato alle esigenze di ognuno. Il filmato comunque chiarificherà ogni fase di ristrutturazione essenziale per rimettere a posto un camper e partire per lunghi viaggi di piacere.
Autore farmame
Vota questo articolo
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!